Il viaggio di una vita

0
143

Il viaggio è metafora di vita. Se dovessimo esser cinici è lo spostamento da un lungo all’altro. Ma l’esser umano non è cinico, è empatico, è emotivo, è sentimentale e proprio per questo il viaggio prende sostanza fino ad arrivar a rappresentazione della vita. 

Sin dalle proprie origini l’uomo ha voluto superar se stesso, ha voluto viaggiare, superando le Colonne d’Ercole e i limiti che di volta in volta si ponevano all’orizzonte.

Prima spostandosi a terra tra villaggio e villaggio, poi via mare, nel Mediterraneo e oltre Oceano, sfidando la paura che alla fine il mare finisse.

Mai la paura è riuscita a vincere la forza e la voglia di viaggiare. Ma quanto il viaggio è scopo e quanto è oggetto di desiderio.

La voglia di viaggiare, infatti, il godere del tempo del viaggio diventa essenziale al pari della meta raggiunta. 

Forse anche di più per i naviganti che a prescinder dalla meta si nutrono del viaggio e dei viaggi…cosi scrivo perché così sono anche io autore di questo articolo. Forse fa parte dell’esser velista. Un viaggiatore paziente che deve saper sottostare al volere del Mare, del Vento e delle Correnti, aspettando il momento buono per partire o per fermarsi. È lì che anche l’attesa diventa viaggio, diventa esperienza, diventa occasione, diventa arricchimento.

D’altronde siamo tutti nelle mani del destino in un continuo viaggio chiamato vita.

Antonio Bufalari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui