Si stava meglio quando si stava peggio, anche in fila alle poste!

0
55

C’erano una volta… i bollettini prestampati, i contanti, le interminabili code agli sportelli con anziani e pensionati in “pole position”, a prendere il posto ore prima dell’apertura dell’ufficio postale che neanche le groupies dei Metallica per essere sotto il palco al concerto. C’erano una volta le bollette “della luce”, del gas e dell’acqua (e pure quelle del telefono!), che, puntuali come la pioggia a Pasquetta, facevano capolino ogni due mesi dalle cassette delle lettere creando quel misto di ansia ed emozione tipico di una sorpresa di compleanno, di quelle, insomma, che ti aspetti e che non sai se sperare che qualcuno te la faccia oppure no.

C’era tutto questo, e molto altro che girava intorno alla gestione delle utenze private, prima che la comodità della “domiciliazione bancaria” togliesse progressivamente a tutti l’incombenza di doversi muovere fisicamente per pagare le proprie bollette e agli anziani e ai pensionati un’occasione per uscire, incontrare persone, fare due chiacchiere (che di solito diventavano almeno “otto”, per via della lunghezza delle code), mantenere la mente allenata a ricordare le scadenze e a tenere sotto controllo “i conti di casa”. Oltre alla comodità logistica, infatti, la logica della domiciliazione, delle R.I.D. e degli automatismi, con i quali le aziende fornitrici di energia (ah… a quei tempi il fornitore era per lo più “pubblico”, e di solito “unico”) hanno iniziato a prendersi in autonomia i soldi degli utenti, aveva in contropartita proprio il guadagno in termini di tempo e di “disimpegno mentale” rispetto a qualcosa che però, così, cominciava a risultare sempre di più ineluttabile.

Ecco, l’ineluttabilità delle spese per l’energia è, probabilmente, iniziata così. C’era una volta… la fiducia nelle istituzioni, nello Stato e nelle sue derivazioni. C’erano una volta la S.I.P., l’Enel e le unità locali di gestione degli acquedotti. C’erano le letture quasi sistematiche dei contatori che permettevano di verificare puntualmente i conteggi e gli errori, umani, nel riporto dei dati; c’erano le ricevute da conservare gelosamente affinché nessuno potesse chiederti due volte il saldo della stessa bolletta. C’era attenzione alla dinamica del rapporto tra cliente e fornitore e c’era, forse, più rispetto reciproco, per chi permetteva all’energia di arrivare a tutti, dappertutto, e per chi quell’energia la utilizzava, quindi la pagava, facendo girare l’economia, a partire da quella dei dipendenti delle aziende erogatrici. 

Oggi, invece, dopo le privatizzazioni, l’aumento del numero di soggetti (o competitors) del mercato energetico, la proliferazione sempre più incomprensibile di tariffe e offerte speciali, portabilità di ogni tipo di utenza e automatismi di calcolo (stimati o in telelettura) con conseguente automatismo nel prelievo di denaro dai conti correnti dei cittadini, si assiste ad una sorta di emorragia arteriosa, dove la pressione e la portata delle fuoriuscite aumentano sempre di più, con l’unica e inquietante prospettiva di un dissanguamento completo. C’era una volta la fiducia, si è già detto prima; una fiducia che, però, si respirava in tutto il sistema economico e sociale, accordata a tutti i soggetti coinvolti nelle transazioni materiali, economiche e finanziarie, nonché verso lo Stato in qualità di garante. Quella fiducia accordata dai cittadini che ha permesso a perfetti sconosciuti, con la collaborazione delle banche e il placet dello Stato, di mettere le mani nelle tasche delle persone. Mani avide o, comunque, incapaci di fermarsi almeno fino a quando, in quelle tasche, ci sarà qualcosa da prendere. Una fiducia ormai agli sgoccioli, ugualmente dissanguata. 

Alvise Brugnaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui