In Primo Piano

Il Presente che non sappiamo più interpretare

La diseguaglianza sociale sarà probabilmente il tema centrale del prossimo decennio. La "quarta rivoluzione industriale", come la chiamano in molti, ci lascerà un mondo pieno di nuove tecnologie in grado di sostituire l'essere umano in diversi lavori e in diversi campi. Cambieranno, quindi, le mansioni lavorative che l'uomo potrà svolgere per avere uno stipendio fisso e sentirsi importante nella società. Sarà un periodo in cui, sempre di più, avremo bisogno di ingegneri informatici, fisici, matematici. La società che si apre alle porte di questo nuovo, caldissimo secolo (scriviamo questo articolo quando in Svezia si sono toccati i 20 gradi a fine ottobre!), avrà bisogno quindi di menti scientifiche. Non sarà un salto facile, visto che il 38% degli studenti...

GUARDA IL VIDEO DELL'EVENTO DI PRESENTAZIONE

Articoli Recenti

Articolo più letti

Vincenzo d’Ercole, storia di una vita dedicata all’archeologia

 “Resistiamo per far conoscere l’importanza dell’archeologia in Abruzzo” In uno spazio dedicato alle personalità più caratterizzanti della nostra regione non poteva mancare il professor d’Ercole. Abruzzese per sangue paterno Vincenzo d’Ercole lavora in Abruzzo per quarant’anni e nonostante la sua veneranda età di settantenne non si è di certo fermato. In pensione dal Ministero dei Beni Culturali, d’Ercole scende in campo come professore nell’università d’Annunzio. Docente a contratto di “Civiltà dell’Italia preromana”. Ma non finisce qui, il suo ritorno in Abruzzo da professore lo riporta in uno dei siti da lui scavato e valorizzato, la necropoli di Fossa, con una nuova campagna di scavo che lo vede impegnato in prima linea sul campo per il terzo anno dalla ripresa. Stimatissimo professore e maestro, mi ha permesso di rubare una breve e personale intervista fuori dalle nostre collaborazioni scientifiche ed universitarie per regalare anche a voi un po' di quella magica energia...