Ragazzi che amano ragazzi

0
39

di Piergiorgio Paterlini

I diritti della comunità LGBT in Italia, sono tra i più arretrati d’Europa e, nonostante il gran parlare del tema in questione, è evidente che non si riesce facilmente ad arginare i numerosissimi episodi di omofobia dei quali sentiamo parlare davvero troppo spesso.

Piergiorgio Paterlini, per Feltrinelli, scrive Ragazzi che amano ragazzi

Il libro racconta di adolescenti gay: il loro pensiero, le loro esperienze, il loro modo di vivere e il modo in cui il loro essere viene recepito dalla società.

In questi racconti paura, disagio, dubbi e, spesso, rabbia la fanno da padrona assieme a consapevolezza, serenità e, spesso, rassegnazione. 

Uno scritto quindi che tratta temi che ben conosciamo se non fosse che, il libro in questione, è stato pubblicato nel 1991: oltre trent’anni fa. Nonostante questo, il mio primo pensiero a fine lettura è stato: «Non è cambiato molto da allora».

La chiesa, i costumi, la società sono responsabili? Sicuramente sì, ma queste istituzioni sono un insieme di persone e dunque è dal singolo che bisogna partire. Ognuno di noi è responsabile di quello che ci accade attorno, ognuno di noi, in prima persona, dovrebbe impegnarsi a fare in modo che le cose cambino. È l’unico modo che abbiamo per scoprire un giorno che – speriamolo tutti – documenti preziosi e attuali –come Ragazzi che amano ragazzi – diventino obsoleti, passati. Questo vorrebbe dire che il mondo ha raggiunto un grado di civiltà adeguato. Per ora è soltanto un’utopia.

L’attualità di questo libro è disarmante e, oltre alla tenerezza e all’amarezza che si provano leggendolo, si ravvisa sicuramente l’utilità del testo non solo per i ragazzi, gay e non, che possono leggerlo per lenire le proprie solitudini e gestire i propri dolori,  ma anche, o forse soprattutto, per i genitori e per gli adulti in generale che spesso dimenticano di essere stati adolescenti, per noi lettori che ci chiediamo frequentemente cosa significhi essere adolescenti e quanto sia difficile esserlo, ma non ci chiediamo forse a sufficienza quanto sia devastante essere adolescenti gay e cosa significhi esserlo, soprattutto in tempi balordi come questi.

Ecco che Paterlini e i protagonisti di queste storie, con un linguaggio colloquiale, chiaro e confidenziale, ci insegnano cose che, a volte, sembrano ovvie ma che probabilmente non lo sono per tutti. Ci illustrano la difficoltà, in alcuni casi, di essere capiti e, addirittura, riconosciuti – al di là di schemi e categorizzazioni – come semplici esseri umani.

 

«Definire l’omosessualità secondo me è sbagliato, impossibile. È come definire la libertà. La libertà è la libertà. Il verde è verde. E non potrai mai spiegarlo a un cieco. Così come è difficile educare la gente a una visione più aperta della sessualità e della diversità in generale. Purtroppo non si può obbligare nessuno a capire le cose, e le persone quasi sempre capiscono solo quando fanno esperienza diretta, in particolare della sofferenza!».

Una lettura sicuramente imprescindibile.

Flora Fusarelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui