Arrivano i Foodbusters: basta sprechi alimentari ai matrimoni

0
23

volontari chiamati anche dai weeding planner

Al matrimonio non dimenticare di invitare anche i Foodbusters, volontari pronti a recuperare il cibo avanzato per ridistribuirlo nelle mense sociali accreditate con l’associazione. Ma chi sono i Foodbusters?

I Foodbusters sono un gruppo di persone attive nel recupero cibo nelle Marche, attraverso una onlus tra le primissime in Italia. Come ricordano spesso anche dai canali social, coinvolgere ai ricevimenti i volontari significa compiere un gesto di generosità equa e solidale a 360°, provando a contribuire ad una giusta causa.

La onlus “Foodbusters – gli acchiappacibo” è collegata ad altre nazionali e fa parte della rete Food P.r.i.d.e. (partecipazione, recupero, inclusione, distribuzione e educazione). Nasce nel 2016 da un’idea di due coniugi co-fondatori anconetani, Diego Ciarlone e Simona Paolella motivati dalla convinzione di voler fare qualcosa per la lotta allo spreco alimentare. 

Sottrarre cibo allo spreco significa eco-sostenibilità, ovvero attivare un circolo virtuoso: il potenziale alimento-rifiuto mantiene le sue qualità intatte divenendo risorsa che sfama, offre un’occasione di reintegro sociale e crea valore per le imprese che decidono di donare. Regalare il cibo in eccesso rende ogni evento un’importantissima testimonianza di valori etici, sia esso una cerimonia, un meeting aziendale o altro.

Essere nel circuito della rete Food P.r.i.d.e. ha permesso ai Foodbusters di essere stati chiamati nel giro di qualche anno a circa 2 mila matrimoni. La onlus, che ha iniziato la sua attività di recupero cibo nel 2017, in soli 3 anni è riuscita a quadruplicare la presenza sul territorio, arrivando non solo nelle Marche, ma anche in Sicilia, in Umbria, in Emilia Romagna e in Abruzzo, mappando e censendo con precisione le mense sociali o gli enti che sono interessati a partecipare al progetto.

Una volta invitati e coinvolti dagli sposi o dai wedding planner, i Foodbusters si recano in cucina documentando ciò che torna indietro o che resta intonso e quel che viene recuperato. Gli sposi sono aggiornati su tutto, anche dove viene ridistribuito il cibo. L’impegno dell’Associazione è organizzare una rete che permette al cibo fresco di percorrere il minor tragitto possibile e di trasformare quel potenziale spreco in una risorsa per il territorio. 

Cristina Mignini

(Immagini dalla pagina Facebook di Foodbusters Onlus)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui